Categorie
Trekking

Come raggiungere il campo base dell’Everest da Katmandu.

Home » Trekking » Come raggiungere il campo base dell’Everest da Katmandu.

Il trekking per raggiungere il campo base dell’Everest.

Il modo più veloce per raggiungere il Campo Base dell’Everest è dall’aeroporto di Lukla al quale si può arrivare con un volo di connessione da quello di Kathmandu. In questo modo si parte già dall’interno della catena montuosa dell’Himalaya. A questo punto bisogna tenere in considerazione almeno altri 7 – 8 giorni per arrivare al Campo Base vero e proprio.

viaggiare in nepal per andare sull'Everest

Il primo step è quello di camminare da Lukla a Namche Bazar, che viene considerata la capitale degli sherpa. Dal momento che si sarà già raggiunta una buona altitudine, sarà necessario fermarsi per abituarsi all’altezza per almeno un paio di giorni. Da qui fino al campo vero e proprio saranno poi necessari dai 5 ai 7 giorni di camminata. Essendo un sentiero piuttosto battuto è possibile trovare da dormire piuttosto semplicemente. Se invece si viaggia in gruppo è possibile accampare con la tenda da alta montagna. La seconda opzione è ovviamente consigliata solo a chi viaggia in gruppo e con guida.

Il percorso da Lukla all’ Everest Base Camp è lungo in totale 130 km. Il problema principale non è tanto la lunghezza quanto il tempo necessario per acclimatarsi. Se non ne hai mai sentito parlare, qui ti descriviamo il mal di montagna.

Per andare e tornare bisogna stimare un minimo di due settimane in totale, anche se le maggiori agenzie consigliano di riservarsiqualche giorno in più per non rischiare di dover correre.

E’ un percorso molto battuto: le agenzie, tour operator e organizzatori vari non mancano.

Difficoltà sull'everest
La vita da queste parte segue ritmi che per noi sono d’altri tempi.

Volare a Lukla

E’ sicuramente parte dell’avventura, parliamo di un aeroporto minuscolo, sebbene assai trafficato. Gli aerei utilizzati possono non essere, per dirla bene, all’avanguardia!

Ad ogni modo dal 2019 sono iniziate alcune riorganizzazioni del traffico aereo da Kathmandu. Una seconda opzione è spostarsi all’aeroporto di Ramechhap che si trova a circa 4 ore dalla capitale. Da qui il volo dura solo 12 minuti circa e vista la sua posizione, cancellazioni e ritardi importanti sono molto meno probabili.

Equipaggiamento necessario

Sebbene non stiamo parlando di raggiungere la cima dell’Himalaya, raggiungere il Campo Base dell’Everest implica comunque raggiungere l’altezza di ben 5.380 metri. Stiamo parlando di altezze in cui il corpo umano non si sente a suo agio. La differenza di pressione e la mancanza di ossigeno implicano uno sforzo molto più importante per compiere qualsiasi gesto. Dai un’occhiata a questo articolo sul mal di montagna se non sei mai stato a queste altezze.

Sebbene il trekking in se non sia considerato da molti esageratamente difficile, questo fattore lo rende assai più complicato. Non si tratta di un’altezza a cui avrai bisogno di una bombola d’ossigeno ma bisognerà avere più che un occhio di riguardo.

Potrebbe essere davvero una buona idea fare qualche ricerca per acquistare dei bastoncini da trekking ultraleggeri per aiutarsi nello sforzo della camminata, portare con te un sacco a pelo pensato per l’alta montagna e una di quelle coperte termiche d’emergenza.

In ogni caso prima di avventurarsi in un’impresa del genere è sempre meglio documentarsi e, se necessario, contrattare una guida esperta.

Quando è il miglior periodo per il trekking del campo base?

Esistono due stagioni principali per il trekking del Campo Base dell’Everest.

In primavera tra Aprile e Maggio. Si tratta del momento dell’anno in cui le condizioni meteo sono più favorevoli per la scalata fino alla cima.

Tuttavia, in autunno è quando è possibile godere di un minor affollamento del cammino e delle migliori viste. In questo caso è quando la stagione dei monsoni potrebbe creare qualche piccolo disturbo, soprattutto a causa delle piogge.

Ad ogni modo, anche se si parte con un trekking guidato, bisognerà tenere in considerazione l’imprevedibilità del tempo. Quindi una calda raccomandazione che ci sentiamo di dare è quella di portare con un un buon sacco a pelo da alta montagna e un paio di scarpe o scarponi da trekking impermeabili.

Questi consigli sulle stagioni sono comunque da prendere con le pinze. Il cambio climatico sta creando problemi anche da queste parti e anche sull’Himalaya il clima è impazzito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *